VFT Racing – Brenner ad un passo dai punti nella prima gara di Mandalika

Il mondiale supersport è approdato in asia, sul tracciato di Pertamina Mandalika International Street Circuit, in Indonesia, per affrontare il penultimo round stagionale. Nel tracciato indonesiano si sono disputate oggi la superpole e la ventunesima prova stagionale della WorldSSP, in cui il VFT è impegnato con Marcel Brenner. Il pilota svizzero al suo debutto sul tracciato asiatico, nella giornata di venerdì è sceso in pista per prendere confidenza con il tracciato e trovare il giusto feeling con la Yamaha R6. In mattinata si è disputata come da programma la Superpole, valida per stabilire la griglia di partenza di entrambe le gare del week-end. In seguito ai risultati delle qualifiche, Brenner è partito dall’ottava fila. Nel soleggiato e caldo primo pomeriggio indonesiano è stato il momento della gara, disputata regolarmente sulla distanza di 19 tornate. Buona la partenza dalle retrovie del pilota svizzero, che alla prima tornata ha transitato diciottesimo. Nel proseguo della gara Marcel si è ritrovato invischiato nella bagarre di gruppo. Brenner ha concluso sedicesimo a pochi decimi dalla zona punti, dopo aver lottato con il coltello tra i denti per tutta la gara. Domani sempre al Pertamina Mandalika International Street Circuit il pilota del VFT Racing Team disputerà la seconda ed ultima gara di questo weekend.

Pertamina Mandalika International Street Circuit – Supersport World Championship

Superpole: 1) TUULI (MV Agusta) – 2) ONCU (Kawasaki) - 3) AEGERTER (Yamaha) - 4) BULEGA (Ducati) …. 23) BRENNER (Yamaha)
Gara 21: 1) TUULI (MV Agusta) – 2) CARICASULO (Ducanti) – 3) ONCU (Kawasaki) – 4) AEGERTER (Yamaha) … 16) BRENNER (Yamaha)

Marcel Brenner: “La pista questa mattina era molto sporca e purtroppo ho fatto un high side, perché è bastato uscire dalle linee per non trovare più il grip e ho compromesso la mia qualifica. Sebbene avessi un po’ di dolore sono sceso in pista per la gara. Non sono soddisfatto del risultato perché c’era del potenziale per fare meglio, ma sono rimasto immischiato nella battaglia di gruppo ed ho perso molto tempo senza riuscire ad imporre il mio ritmo. Ora lavoriamo per la gara di domani per provare qualche nuova soluzione per essere più competitivi ed incisivi. Ringrazio il team e tutti i nostri sponsor.”